Diritti del passeggero aereo

Per volo in ritardo di più di 3 ore, cancellazioni senza preavviso e imbarco negato a causa di overbooking hai diritto ad un risarcimento secondo il regolamento UE 261/2004.

Diritti dei passeggeri del trasporto aereo – Regolamento CE 261/2004

Diritti del viaggiatore aereo dell’UE Regolamento (CE) n. 261/2004 sui ritardi dei voli o cancellazioni

I passeggeri aerei europei hanno diritto al risarcimento per ritardi dei voli superiori a 3 ore o cancellazioni con o senza preavviso, o se è stato negato l’imbarco a causa di overbooking o per altri motivi ai sensi del Regolamento CE 261/2004.

Il regolamento CE 261 è stato introdotto nel 2004, entrato in vigore nel febbraio 2005, stabilisce norme comuni dell’UE sulla compensazione dei voli e l’assistenza ai passeggeri delle compagnie aeree in caso di lunghi ritardi dei voli, cancellazione del volo o overbooking.

Il Regolamento UE 261/2004 abolisce il Regolamento (CEE) N. 295/91 del febbraio 1991, e stabilisce che i passeggeri aerei hanno diritto a ricevere una compensazione pecuniaria fino a 600€ dalle compagnie aeree per i disagi causati.

Tuttavia, le compagnie aeree possono esserne esentate in “circostanze straordinarie” che includono condizioni meteorologiche estreme, disastri naturali come tsunami, uragani, eruzioni vulcaniche o qualsiasi “causa di forza maggiore”.

Ciò nonostante la compagnia aerea sarà comunque responsabile dei “Diritti di assistenza” (ad es. fornitura di pasti e bevande, di due telefonate e/o di fornire un luogo di sistemazione. Potresti inoltre avere ulteriori diritti ai sensi della Convenzione di Montreal o dell’Autorità dell’Aviazione Civile (CAA).

Non è necessario essere cittadini europei per richiedere il risarcimento per i ritardi dei voli o le cancellazioni dei voli ai sensi dei Diritti europei dei passeggeri EU261. Il Regolamento CE 261/2004 è valido per tutti i passeggeri indipendentemente dalla loro cittadinanza.

Ti spiegheremo quali sono le regole applicabili ai passeggeri nella carta dei diritti.

Hai diritto al risarcimento se il tuo volo è

  • programmato in partenza da un aeroporto UE (con qualsiasi compagnia aerea)
  • in arrivo in un aeroporto dell’UE con una compagnia aerea registrata nell’UE.

Diritti dei passeggeri UE 261

In base al regolamento (CE) n. 261/2004 sui diritti dei passeggeri dell’UE, la compagnia aerea deve risarcire i suoi passeggeri se le interruzioni del volo erano sotto il suo controllo o avrebbero potuto essere evitate.

Per i ritardi o le cancellazioni dei voli, i passeggeri hanno diritto a un diverso livello di compensazione in base alla distanza del viaggio e al motivo del ritardo o della cancellazione.

Diritti di ritardo del volo

Cos’è il ritardo del volo?

Un volo viene considerato in ritardo se parte o arriva dopo l’orario previsto.

Diritti dei passeggeri in caso di ritardo dei voli

Ai sensi della regola EU 261, i passeggeri hanno il diritto di richiedere un risarcimento finanziario da parte delle compagnie aeree, se il loro volo è stato ritardato di oltre 3 ore all’arrivo.

In base alla distanza del viaggio, l’importo del risarcimento varia:

  • per una distanza fino a 1.500 km è possibile richiedere 250€;
  • per una distanza compresa tra 1.500 km e 3.500 km è possibile richiedere 400€;
  • e per una distanza di oltre 3.500 km, è possibile richiedere 600 €
Ritardo di arrivoDistanzaRisarcimento
Fino a 2 ore – 59 minutiQualsiasi distanzaNo
3 ore o più<= 1500 km€250
1500 – 3500 Km€400
= 3500 km€600

Diritti di cancellazione del volo

Cos’è la cancellazione del volo?

Quando un volo che era stato precedentemente pianificato e sul quale almeno un posto era prenotato non viene effettuato.

Quali sono i diritti del passeggero se il volo è stato cancellato?

I passeggeri hanno diritto al risarcimento per un volo cancellato se non sono stati informati della cancellazione almeno 14 giorni prima dell’orario previsto per la partenza.

Cosa succede se ti è stato offerto un volo alternativo?

È possibile richiedere una compensazione pecuniaria se il volo alternativo è stato ritardato di oltre 2 ore. In tali casi, l’importo del risarcimento a cui hai diritto può essere ridotto del 50%.

Imbarco negato/diritti in caso di voli in overbooking

In quali casi viene negato l’imbarco?

In caso di negato imbarco non ti è consentito l’imbarco sul volo nonostante tu abbia confermato la prenotazione del posto e sia arrivato in tempo per l’imbarco.

Le compagnie aeree rifiutano l’imbarco ai passeggeri in caso di overbooking del biglietto aereo. In tal caso, negano involontariamente o volontariamente l’imbarco. Non riceverai alcun rimborso se ti offri volontario per liberare il posto, accettando buoni o offerte.

Quali sono i miei diritti se il volo è stato prenotato oltre la disponibilità?

Se ti è stato offerto un volo alternativo, e questo è stato ritardato di 2 ore o più, hai diritto a un risarcimento.

Se ti è stato offerto un volo alternativo, l’importo del risarcimento a cui hai diritto può essere ridotto del 50% se l’orario di arrivo non supera l’orario di arrivo previsto: di 2 ore (per distanze inferiori a 1.500 km), di 3 ore (per distanze tra 1.500 km e 3.500 km) o oltre 3 ore (per distanze superiori a 3.500 km).

Diritti a cura e assistenza

Per cancellazioni di voli, overbooking o ritardi di oltre 2 ore nell’aeroporto di partenza, le compagnie aeree sono obbligate a fornire l’assistenza seguente:

  1. Pasti e bevande: questi dovrebbero essere misurati in relazione alla durata di ritardi o cancellazioni.
  2. Comunicazione: la compagnia aerea dovrebbe fornire la possibilità di effettuare almeno 2 chiamate telefoniche, telex o fax o email.
  3. Sistemazione in hotel: se l’orario di partenza previsto è almeno un giorno dopo l’orario di partenza previsto, o quando il soggiorno diventa necessario, la compagnia aerea dovrebbe garantirti la sistemazione in albergo e il trasporto.

Diritto di chiedere risarcimento

Di seguito sono riportate le condizioni in cui è possibile chiedere un risarcimento:

  1. Il tuo ritardo in arrivo deve essere superiore alle 3 ore.
  2. Devi aver viaggiato all’interno degli Stati membri dell’UE, o devi essere partito da un aeroporto dell’UE.
  3. Devi aver prenotato presso una compagnia aerea registrata nell’UE o una compagnia aerea che segue la Regola EU 261, per i voli in partenza dallo stato non membro dell’UE, ma in arrivo in uno stato membro dell’UE.
  4. Puoi risalire fino a 6 anni, il che significa che i voli che hanno subito ritardi 6 anni fa o meno sono risarcibili nel Regno Unito. Al contrario per la Germania, la Spagna, l’Italia, la Francia e gli altri Stati membri dell’UE, il risarcimento è valido per voli effettuati fino a 2 o 3 anni prima. Sfortunatamente, in Polonia, il risarcimento si può richiedere solo per voli fino a 1 anno prima.
In base al secondo punto, i diritti del viaggiatore aereo in UE non si applicano solo ai cittadini dell’UE, ma anche ai cittadini non UE e ai loro familiari o co-passeggeri della rispettiva compagnia aerea.

Nella tabella seguente, i punti 2 e 3 sono spiegati utilizzando la mappa del territorio

Origine e destinazioneCompagnia Aerea UECompagnia aerea non UE
Da UE a UE
Da Ue a fuori UE
Da fuori UE a UENo
Da fuori UE a fuori UENoNo

Diritti in caso di coincidenza persa

Per la mancata coincidenza del volo, se hai prenotato l’intero viaggio con un unico biglietto, l’ora di arrivo alla destinazione finale è quella che viene utilizzata per misurare il ritardo del volo.

Se i voli sono sotto lo stesso numero di riferimento della prenotazione, vengono considerati come un unico volo. Se hai prenotato le diverse tratte come voli singoli, non sei autorizzato a richiedere risarcimento per la coincidenza.

Il 7 maggio 2013 la Corte Federale di Giustizia ha stabilito che i passeggeri di un volo in ritardo (che ti porta a una tappa, non alla tua destinazione finale) rientrano nel campo di applicazione dell’articolo 3 del Regolamento CE 261/2004 e hanno diritto a ricevere un risarcimento per il ritardo del volo se il ritardo porta a perdere il loro volo in coincidenza e se causa un ritardo di tre o più ore nel raggiungimento della destinazione finale.

In caso di coincidenze mancate a causa di ritardi o cancellazioni, i rappresentanti delle compagnie aeree dovrebbero offrire uno dei seguenti servizi ai passeggeri aerei:

  • rimborso totale del costo del biglietto aereo
  • volo di ritorno al punto di partenza
  • reindirizzamento verso la destinazione finale con il primo volo disponibile o secondo la disponibilità dei posti e la comodità del passeggero.

Diritti in caso di pacchetti vacanza

Il regolamento CE 261/2004 garantisce protezione per pacchetti turistici, pacchetti di viaggio e pacchetti vacanze.

Si applica a qualunque tipo di pacchetti acquistati all’interno degli stati membri dell’UE, anche se il viaggio ha una destinazione al di fuori dell’Unione Europea.

Il tuo itinerario di viaggio dovrebbe indicare chiaramente le destinazioni di volo, il percorso e la struttura di trasporto in aereo, taxi, ecc. Questi dati sono vincolanti per l’organizzatore del tour.

Prima del viaggio, l’organizzatore del viaggio deve informarvi in merito a orari e luoghi per soste e coincidenze aeree.

I consumatori hanno il diritto di trasferire la prenotazione a un’altra persona.

Le compagnie aeree potrebbero modificare il prezzo se espresso nei termini e condizioni.

Il tour operator è l’unico responsabile di eventuali violazioni dei termini.

Ad esempio, l’organizzatore del tour dovrà agire per conto del passeggero contro la compagnia aerea per chiedere un risarcimento in caso di incidente.

L’organizzatore dovrà richiedere il rimborso e il rimborso totale del costo del biglietto aereo deve essere effettuato entro 7 giorni in contanti, assegno o bonifico bancario. In alternativa ti deve essere offerto un volo alternativo per la tua destinazione finale con il primo volo disponibile o in base alle tue esigenze.

Cosa sono le circostanze eccezionali?

Circostanze straordinarie, note anche come circostanze eccezionali, sono le situazioni in cui le compagnie aeree non sono in grado di controllare le interruzioni del volo (ritardi o cancellazioni), anche se l’operatore aereo interessato prende misure ragionevoli per evitarle.

Alcuni esempi di circostanze eccezionali:

  1. Terremoti, eruzioni vulcaniche, maltempo estremo, tsunami, ecc.
  2. Sciopero dei membri dell’equipaggio che causa ritardi in tutti i voli anche di altre compagnie aeree.
  3. Problemi tecnici non rilevabili, come un uccello che colpisce il motore dell’aereo.
  4. Agitazioni politiche nel paese di destinazione.
In tali condizioni, i passeggeri non hanno diritto al risarcimento. Ciò nonostante, le compagnie aeree dovranno fornire assistenza come spiegato sotto “Diritti alla cura e all’assistenza“.

La tabella seguente fornisce una panoramica delle diverse “circostanze straordinarie” comprese le “cause di forza maggiore” che esentano la compagnia aerea dal pagamento del risarcimento del volo.

ScioperoCause di forza maggioreProblemi tecnici
Circostanze eccezionali
(non puoi chiedere un risarcimento)
Uno sciopero è considerato una circostanza eccezionale che non può essere evitata e quindi non è possibile chiedere un risarcimento.Eruzioni vulcaniche, tsunami, uragani e frane sono “cause di forza maggiore” e quindi non hai diritto a chiedere un risarcimento.Sono considerate circostanze eccezionali i casi in cui la compagnia aerea non ha potuto prevedere o evitare il problema tecnico.
Non è una circostanza straordinaria
(puoi chiedere un risarcimento)
Se il ritardo del volo può essere evitato e se altre compagnie aeree riescono a volare durante lo sciopero ci può essere la possibilità di chiedere rimborso.Hai diritto a reclamare se il ritardo avrebbe potuto essere evitato dalla compagnia aerea, ad esempio pulendo correttamente la pista.Non è una circostanza eccezionale se il ritardo avrebbe potuto essere evitato, ad esempio catturando gli uccelli sulla pista, preparando pezzi di ricambio.
Il fatto che la stessa situazione possa essere vista come circostanza straordinaria in alcuni casi, ma non in altri, può essere oggetto di confusione, ma le piccole differenze possono avere un grande effetto sul risultato del caso.

Inoltre, molte compagnie aeree tendono a riferirsi a “cause di forza maggiore” o circostanze straordinarie per la maggior parte dei ritardi o delle cancellazioni dei voli.

Un passeggero aereo non può sapere se la compagnia aerea dichiara a ragione la presenza di “cause di forza maggiore” perché i passeggeri non hanno accesso al database dei voli per conoscere il vero motivo del ritardo o della cancellazione del volo. In alcuni casi, anche le compagnie di assicurazione possono rifiutare un reclamo se il problema è causato da circostanze straordinarie.

Cosa fare quando il tuo volo è in ritardo o è stato cancellato

Devi assicurarti che la compagnia aerea non possa provare che non eri al gate o che non volevi volare.

Se il tuo volo viene ritardato o cancellato, svolgi i seguenti passaggi importanti:

  • resta in aeroporto e ascolta attentamente gli annunci
  • prova a raccogliere alcune prove (ad esempio, scatta delle foto del display di arrivi/partenze)
  • effettua il check-in in tempo (ad esempio, 2 ore prima dell’orario di partenza previsto per i voli in modo che la compagnia aerea non possa dichiarare che tu non eri presente)
  • chiedi il motivo dei ritardi o delle cancellazioni dei voli
  • se possibile, scambia biglietti da visita o informazioni di contatto con altri passeggeri che possono testimoniare il fatto che ti trovavi lì.

Come possiamo aiutarti a ottenere un risarcimento per i tuoi diritti di volo in UE?

A Claim Flights, forniamo consulenze specialistiche su come richiedere il risarcimento per ritardi o cancellazioni di voli. In molti casi, la compagnia aerea fornisce un rimborso quando li contattiamo, anche se non hanno risposto al passeggero quando contattati dallo stesso direttamente.

Possiamo mettere a tua disposizione degli esperti che discutono il tuo caso con la compagnia aerea e possono citare casi storici di legge per dimostrare la validità della tua richiesta.

Di volta in volta abbiamo richiesto con successo il risarcimento per passeggeri rimasti a terra, che avevano precedentemente ricevuto un rifiuto da parte della compagnia aerea in seguito alla loro richiesta diretta.

È possibile trovare una raccolta completa di casi di legge sui diritti dei passeggeri nella nostra banca dati dei voli storici che aiuta a far luce sui diversi casi di legge. Lavoriamo in collaborazione con avvocati esperti per combattere per i tuoi diritti in tribunale.

Cosa dicono di noi i nostri clienti

Fai la tua scelta per il reclamo

Avvocato

Q
Commissione da 30€ a 520€ + quota di udienza di 30€ a 385€
Q
Rischio di perdere denaro se si perde il caso
Q
Richiede troppo tempo
Q
Risultato imprevedibile

ClaimFlights

R
Nessun rischio di perdita, paghi solo se vinciamo
R
Ti chiediamo solo 2 minuti del tuo tempo
R
Database aggiuntivi e prove legali
R
Esperti con alto tasso di successo

Autonomamente

Q
I reclami dei clienti individuali sono spesso ignorati
Q
Ci vogliono molte ore per fare il reclamo
Q
Basso rischio
Q
Il caso potrebbe finire in tribunale in ogni caso